Domenica inizierà il nuovo campionato del Castiglione, al secondo anno consecutivo nel torneo di Terza Categoria. A presentare la stagione dei RossoBlu ci ha pensato l’allenatore Fabio Esposito, da quest’anno alla guida della prima squadra aloisiana: “Non siamo i favoriti ma siamo un’ottima squadra e vogliamo disputare un campionato da protagonisti, dall’inizio alla fine“.

Il tecnico ha le idee molto chiare sulla squadra che ha a disposizione:Non dobbiamo mai dimenticarci che siamo una squadra molto giovane che però può contare su tre, quattro elementi di categoria superiore in grado di fare la differenza. Hanno l’esperienza necessaria per risolvere le partite ma soprattutto la qualità per far crescere i tanti giovani che si ritrovano al loro fianco. Sono aspetti fondamentali per l’economia di una squadra che vuole fare bene“.

Esposito “fa le carte” al campionato individuando le principali concorrenti del Castiglione al salto di categoria: “Ce ne sono cinque, sei davvero forti. Il nostro é un girone di ferro, sarà un campionato tanto bello quanto difficile. Nomi? Metto davanti a tutte Serle, Montichiari, Borgosatollo e Botticino“.

A complicare ulteriormente i piani l’unico posto disponibile per il salto di categoria:La prima viene promossa direttamente poi la seconda e la terza accedono ai play off. Ecco, ci metterei la firma per arrivare secondo o terzo e giocarmi tutto nei play off: sarebbe un ottimo traguardo“.

Altro aspetto da non sottovalutare é la pressione che pesa come un macigno sui calciatori del Castiglione:Il blasone è indubbio, questa squadra lo scorso anno era in Lega Pro. L’anno scorso, non dieci anni fa. Non é facile per i ragazzi, soprattutto i più giovani, gestire la pressione ma sono convinto che abbiamo le qualità tecniche, umane e morali per fare un grandissimo campionato. La gente si aspetta tanto da noi, ancor di più adesso che veniamo da un precampionato in cui abbiamo vinto cinque partite su cinque, ma le responsabilità non ci spaventano. Viviamo alla giornata con l’obiettivo di dare vita ad un progetto di crescita costante, sia dentro che fuori dal campo“.

Ultime annotazioni dedicate all’esperienza personale:E’ il coronamento di una crescita iniziata cinque, sei anni fa qui a Castiglione. Esperienza bellissima per la quale darò tutto me stesso, altro da aggiungere non c’é“.