F.C CASTIGLIONE – F.C DESENZANO
RISULTATO: 4 – 1

F.C CASTIGLIONE
Modulo: 4 – 1 – 4 – 1
Pizzamoglio, Re, Venturi, Fusari S., Lazzaroni, Bersi, Cortesi (59′ Altobelli, 73’ Casalino), Caldara,Botturi (82′ Muchetti), Pedrinelli, Semmah (59′ Sanè Mohamet); a disposizione: Adili, Pincella, Rabaiotti, Fusari R.,Cavicchioli.
Allenatore:Francesco Faini

DESENZANO
Modulo: 4 – 4 – 2
Luzardi, Bonatti, Guatta, Patuzzo, Filippini, Arici, Olivetti (47′ Diene), Monese (50′ Asbiae), Alberti, Chitò, De Giacomo (61′ Nizzola); a disposizione: Perdoncin, Cucchi, Tosoni.
Allenatore: Sandro Novazzi

Reti: 30’, 63’ Botturi, 70’ Bersi, 79’ Casalino, 83’ Asbiae
Ammoniti:Fusari S.; Monese, Arici
Arbitro il sig. Steffenoni Grandi
Recupero: 2’ – 3’
Angoli: 3 – 3
Spettatori: 250 ca. presente, oltre alla Sparuta castiglionese, anche la curva ospite molto animata ma sempre corretta.

Note: ottime condizioni del terreno di gioco, giornata di sole con temperature tipicamente estive 28°

CRONACA

PRIMO TEMPO
Il ritorno che tutti avremmo sognato. Dopo la roboante cavalcata della passata stagione e vittoria del campionato, quest’anno molti già da giugno osservavano con trepidante attesa e curiosità ciò che ne sarebbe stato delle furie rosse aloisiane. Nonostante molti giocatori siano andati per altri lidi e sia cambiato l’allenatore, una costante è rimasta la stessa: il Castiglione vince, convince e dà spettacolo.
Il Castiglione parte forte spingendosi in avanti, ma dopo appena 3’ minuti di gioco il numero 10 Chitò si spinge in un contropiede coraggioso che lo premia con due rimpalli, e da solo davanti a Pizzamoglio sfiora il goal del vantaggio. I rossoblu si abbassano e il Desenzano cresce, ma non passa molto per la risposta di casa: Cortesi e Botturi recuperano palla e provano una ripartenza, ma all’ultimo non riesce l’aggancio al grande ex del match (Botturi). Affondi da ambo le formazioni, ma mai troppo incisivi fino al 30’ quando da un lancio partito da Cortesi, Caldara non inventa un assist in acrobazia per Botturi che taglia le trame della difesa dei bresciani e insacca il goal del 1 – 0. Ma subito arriva la risposta degli uomini di Novazzi che con Guatta provano a trovare il goal del pareggio ma Pizzamiglio è prontissmo e allontana una palla che sembrava ormai in rete. Un miracolo. Il primo tempo si conclude così, notando l’ottimo gioco in fase offensiva degli ospiti che si rendono sempre pericolosi ad ogni incursione e creano molta densità in area avversaria.

SECONDO TEMPO
Castiglione parte subito fortissimo con Caldara che intercetta al volo il calcio di punizione ma spara alto sopra la traversa. Subito ci prova il numero due del Desenzano Bonatti (ottima gara la sua) che fa partire un traversone pennellato per Chitò ma per fortuna c’è Lazzaroni che all’ultimo lo anticipa e sventa un goal certo. E’ passato ormai un quarto d’ora e cominciano i primi cambi, ed è proprio il neo entrato Sanè che pescato da capitan Fusari sfiora la rete. Il Desenzano vuole il pareggio e prova un affondo molto insidioso al che crea una mischia davanti alla porta di Pizzamoglio, con miracolo finale della difesa aloisiana. Ma si sa, goal sbagliato goal subito, e la maledizione dell’ex colpisce ancora: Botturi approfitta di un disimpegno della difesa per firmare la sua prima doppietta stagionale. Il Castiglione ora è padrone del campo e al 70’ Bersi si inventa una magia di sinistro che insacca sotto la traversa. Un missile terra-aria dai 20 metri che non lascia scampo a Luzardi. 3 – 0. Il Desenzano sembra crederci ormai sempre meno e infatti poco dopo è Casalino, appena entrato a sostituire Altobelli infortunatosi in un contrato, a bersi tutta la difesa rimasta pietrificata e a realizzare il suo primo goal della stagione e anche quello del definitivo K.O. Arriva sul finale all’83’ il goal della bandiera, una bella rete di Asbiae che intercetta un lancio dalla sinistra, salta due uomini e mette in rete.

Bella partita, oltre che dei già citati, anche del monumentale Stefano Fusari un faro in mezzo al campo e della difesa con Re, provvidenziale su molti affondi, Lazzaroni con il tempismo nel sangue e Venturi che già dallo scorso anno ci aveva abituati sulla sinistra alle sue giocate e progressioni in avanti sempre temibili.

Francesco Bottazzi

LE FOTO più belle della GARA di oggi le trovi qui, sul nostro profilo Facebok ufficiale.